domenica 12 dicembre 2010

Una tecnologia rivoluzionaria è in arrivo

Per piacere non vi fate venire un evento cardiovascolare maggiore a causa delle risate.

venerdì 10 dicembre 2010

Obama wanted them dead, Obama wants us dead.

Them: read Iranians guys and girls
Us: read every European Capital, he's got the nuclear bombs to destroy Europe.

For two years President Obama and his administration have fabricated a mythical argument that progress on the Israeli–Palestinian issue through the stopping of settlement construction will help get the “moderate” Arab nations in the region like Saudi Arabia, the Persian Gulf State, Egypt and Jordan on board in stopping Iran. 

But the confidential documents from US embassies made public on WikiLeaks reveal that those countries have already been on board, by hounding and begging the Obama administration to take military action, including airstrikes and the use of ground forces, against the Iranians
Moreover, while Obama was wasting time and personally orchestrating public confrontations with Israel over the settlement issue and the creation of a Palestinian state, it seems that Arab Sunni leaders, in private communications with US officials, did not even mention the settlements or the Palestinian issue as their main urgent concern. As one Middle East expert from Cairo told the Los Angeles Times, the official stance in the Middle East led by Arab Sunni states has always been” that it is Iran and not Israel that poses the main threat to the region.”
According to WikiLeaks, Saudi Arabian King Abdullah urged the US to attack ”evil” Iran, saying that “it is necessary to cut the head of the snake.” King Hamad of Bahrain was quoted in 2009 as saying ”the Iranian nuclear program must be terminated by whatever means necessary. The danger of letting it go on is greater than the danger of stopping it.” Abu Dhabi Crown Prince Muhammad bin Zayed urged the US not to appease or engage Tehran, referring to it as an “existential threat” and stating that “Ahmadinejad is Hitler.”

It appears that Arab leaders agree with Prime Minster Netanyahu‘s assessment that Iran is the main threat to peace and stability in the Middle East and not the Israel-Palestinian conflict, and that economic sanctions may hurt Iran but military action is the only way to stop it.

It seems that Obama chooses to ignore the concerns about Iran from his friends, and feels compelled to occupy himself with sideshows like the Israeli-Palestinian issue and “settlements” because he does not understand the dangers of a nuclear armed Iran. Obama does not believe in a military solution because he believes it is possible to “contain” Iran as the US contained the Soviet Union. But he does not understand that contrary to the Communist leaders, Iranian leaders are not “rational “adversaries.
To understand Iran’s ambitions it is necessary to understand Iran’s religious ideology. The Iranian regime believes that the right religion for humanity is Islam and the right sect of Islam is Shiite and not Sunni. Iran’s ultimate aim is to establish global Islamic rule, a new Islamic empire, but this time under Shiite leadership.
Iranian President Mahmoud Ahmadinejad stated in the past his belief that amidst the chaos of a catastrophic war, the 12th Imam, the Mahdi, would make his prophesied Messianic return and establish new order where the whole world would convert to Shiite Islam. This belief lies at the heart of Iran’s ambition to spread its influence and acquire nuclear weapons and this is the reason such ambition is dangerous not only for Israel but for Sunni Arab countries, Europe and the world. Acquiring nuclear capability would give Iranian leadership even more room for reckless and aggressive foreign policy.

giovedì 9 dicembre 2010

Six reasons to know about "I Love Rock N Roll" and to love Joan Jett even more.

(1) JOAN JETT ROCKS. 
(2) THIS IS THE BEST SONG EVER. 
(3) I LOVE ROCK N ROLL! 
(4) BRITNEY SPEARS SUCKS. 
(5) The song that plays in the beginning of the video is "Bad Reputation." 
(6) This is a cover song. The original was by The Arrows.

sabato 4 dicembre 2010

The Myth of a Shia-Sunni/Persian-Arab Confrontation

Is there a Shia crescent threatening the stability of western Asia and northern Africa? Is there a historically coded Arab-Persian enmity driving the international politics of the region? Does it date back centuries, and is it now viewed as a battle for regional supremacy? If we are to believe the media comments on the latest round of documents published by Wikileaks, then yes. "Israel sees PR windfall in WikiLeaks tips on Iran," a Reuters headline reads. "Cut the head of the snake: How Arab leaders urged U.S. to attack Iran," says the Daily Mail. "Israel says WikiLeaks shows 'consistency' on Iran," the Agence France Press (AFP) proclaims. "Arab states scorn evil Iran," leads the Guardian. There is a common theme to these headlines: apparently there is an "Arab" or "Sunni" consensus supporting a war against Iran. (continues).


Source: "Freedom and Democracy for Iran"

mercoledì 24 novembre 2010

Le due cassette che feci ad Hallooween

Siccome è tempo di cancellarne il contenuto, mi scrvo il contenuto delle due TDK che mi ero preparato per Haoween. Per me, nessuna festa o radio. Ho chiuso con quella roba lì. So che sbaglio a cancellare per registrarci sopra, perché sicuro qualcuno di questi dischi li regalerò durante l'anno, ma il collezionismo fa schifo. Il collezionismo di dischi poi è una perversione, un disturbo di personalità sull' Asse II.


Allora scriviamo:

THE BOMBORAS: A Fistful of Terror
THE SEEDS: Evil Hoodoo
MANFRED MANN: Hubble, Bubble (Toil and Trouble)
Q65: I Got Nightmares
THE SKUNKS: You Scare Me
THE TEXREYS: Ghoul a Go-Go
THE MALARIANS: No
THE BORN LOSERS: Werewolves on Wheels
LOU REED: Halloween Parade
DEAD KENNEDYS: Halloween
THE SHAGGS: It's Halloween
THE (MOTHERFUCKING) BROWNS: Scream for Halloween
LOS STRAITJACKETS: Theme from "The Munsters"
ZACHERLE: Happy Halloween
LON CHANEY JR.: The Maddest Story Ever Told (Theme from Spider Baby)
THE FUZZTONES: Happy Halloween
THE SWINGIN' NECKBREAKERS: No Costume, No Candy
CAPTAIN CLEGG & THE NIGHT CREATURES: Zombie a Go Go
THE TOMBSTONES: Black Cat
THE OUTSIDERS: Haunted by Your Love
THE MOONTREKKERS: Night of the Vampire
ROKY ERICKSON & THE ALIENS: Creature with the Atom Brain
THE CRAMPS: Creature from the Black Leather Lagoon
RONNIE COOK & THE GAYLADS: Goo Goo Muck
THE FRANTICS: Werewolf
SOUTHERN CULTURE ON THE SKIDS: Werewolf
THE FLAMIN' GROOVIES: Werewolves of London
ROUND ROBIN: I'm the Wolf Man
BO DIDDLEY: Bo Meets the Monster
THE HOLLYWOOD FLAMES: Frankenstein's Den
THE NEW YORK DOLLS: Frankenstein
ELECTRIC FRANKENSTEIN: Coolest Little Monster
THE KINGSMEN: Haunted Castle
THE ROCKIN' CONTINENTALS: Count Dracula
THE SONICS: The Witch
THE LOLLIPOP SHOPPE: You Must Be a Witch
THE CIRCUS: Burn, Witch, Burn
THE MOVE: Night of Fear
THE LAST WORD: Sleepy Hollow
THE CORDS: Ghost Power

martedì 23 novembre 2010

Head cleric admits that Iranians hate clerical rule


Nov. 21, 2010

Ahmad Khatami, a member of the Assembly of Experts, cited the fact that the people hate the clerical rule of the mullahs and said, “Creating rifts among clerics is one of the actions of the enemy which leads to the people separating themselves from the government which provides the grounds for separating oneself from religion”.
“Today, some people are looking to carry out this theory and advocate an Islam without politics which is in line with the separation of religion from state, and the departure of clerics from politics which means that efforts of religious clerics in the past centuries would be wasted”.
“Today enemies approach religious authorities and lie to them to the point that the religious authority becomes neutral and after some time by being presented false information, he feels that he is in the middle of the anti-revolutionary field.”
“They bring this issue up to lie about clerics to the people and say that in Iran, only one sector of the society rules over all the other sectors”. 

lunedì 15 novembre 2010

Hawks 111 Timberwolves 105

Gli Hawks vincono dominando Minnesota sul perimetro ma soprattutto ai rimbalzi, contro la squadra che proprio ai rimbalzi aveva finora il miglior record. Gli Hawks stanotte hanno così vinto ai rimbalzi offensivi per 15-12 (chiave della partita). Kevin Love molto buono con 22 punti e 17 rimbalzi, ma non abbastanza contro il quintetto degli Hawks condotto alla vittoria da Al Horford and Josh Smith. Hoford in doppia doppia con 28 punti e 10 rimbalzi, e anche Smith, che ci aggiungeva 23 punti and 10 ribalzi! A prima vista non è sembrato che difendessero gli Haws al modo in cui coach Drew avrebbe voluto neii 48 minuti della partita, ma in 12 di essi (il terzo quarto) i ragazzi hanno difeso proprio alla maniera che Drew ha insegnato loro, controllando i Tinberwolves e forzando Minnesota a 21 palle perse a fine match. La striscia perdente degli Haws è finita!! 

sabato 13 novembre 2010

Children of Parents With Affective and Nonaffective Psychoses: A Longitudinal Study of Behavior Problems

Jo-Ann L. Donatelli, Ph.D., Larry J. Seidman, Ph.D., Jill M. Goldstein, Ph.D., Ming T. Tsuang, M.D., Ph.D., D.Sc., and Stephen L. Buka, Sc.D.
From the Department of Psychiatry, Community Health, Brown University, Providence, R.I.; the Department of Psychiatry, Massachusetts Mental Health Center, Beth Israel Deaconess Medical Center, Harvard Medical School, Boston; the Departments of Psychiatry and Medicine, Connors Center for Women's Health and Gender Biology, Harvard Medical School at Brigham and Women's Hospital, Boston; and the Department of Psychiatry, Center for Behavior Genetics, University of California at San Diego, San Diego.
OBJECTIVE: It is generally accepted that children of parents with schizophrenia or other forms of psychosis are at heightened risk for a range of behavioral problems. However, it remains unclear whether offspring of parents with different forms of psychosis (e.g., schizophrenia, other nonaffective psychoses, and affective psychoses) have distinct forms of behavioral problems (i.e., internalizing and externalizing).
METHOD: Behavioral observations of children of parents with psychosis (N=281) and parents without psychosis (N=185) were conducted at ages 4 and 7 years.
RESULTS: There were no significant differences between groups in behavior observed at age 4 years. At age 7 years, compared with children of unaffected parents, children of parents with psychosis had an adjusted odds ratio of 2.8 (95% CI=1.5–5.6) for externalizing problems, in particular for children of parents with schizophrenia (adjusted odds ratio=4.4; 95% CI=1.7–12.5). This increase in risk for externalizing problems was observed for female children only (adjusted odds ratio=8.1; 95% CI=2.5–26.3). In contrast, male children were at increased risk for internalizing problems(adjusted odds ratio=3.6; 95% CI=1.6–8.3).
CONCLUSIONS: Children of parents with various forms of psychosis are at risk for internalizing and externalizing problems by age 7 years. This risk varies by gender of the offspring. Implications for treatment of parents with psychotic disorders and high-risk children are discussed.

venerdì 12 novembre 2010

Partita del giorno: Raptors vs Magic – Nov. 12/10

I Raptors se la vedranno dura nei prossimi 10 giorni, quattro delle prossime sei partite sono contro squadre da playoff, e tre di queste squadre da anello, nella mia opinione. Si comincia stasera ad Orlando, e non sarà  una cosafacile vincere lì! Si è parlato fino alla nausea su dove questa squadra  possa (e non possa) arrivare, di quanto buona o cattiva la stagione di alcuni giocatori(Amir Johnson, Weems, il nostro "Mago" Barganai) potrà essere, quindi non annoio ulteriormente (anche se resto innamorato della squadra principalmente per la memoria di Vince Carter, ora ai Nets, accidenti!).
La sicurezza è il coach Jay Traiano, per come la vedo.
Quello che dobbiamo considerare è che questa stagione vede una squadra in rodaggio. E questo potrebbe non essere sufficiente per fare cose esaltanti come promette, si dovrà   lottare per un posto ai playoff, ma il futuro del team sembra roseo.

giovedì 11 novembre 2010

Terza sconfitta consecutiva per gli Hawks

Come molti avevano giudicato, la striscia vincente (sei vittorie) con cui Atlanta aveva aperto la stagione, non era stata, per alcuni versi, del tutto convincente
Così è arrivata la pesante sconfitta (la terza consecutiva, ma contro squadre ben più quotate di quelle sconfitte in precedenza). Alla Philips Arena ieri è arrivata un'imbarazzante batosta con la sconfitta per 108-91 con i i Bucks, e poteva finire peggio, per quel che si è visto in campo. 
La difesa già nel primo quarto faceva acqua, così è continuato, tanto che il quintetto base è rimasto addirittura in panchina nell'ultimo quarto, i Bucks essendo ormai in svantaggio di 30 punti alla fine del terzo.
La sostanza è che, contrariamente alla precedente sconfitta con i Suns di Steve Nash, qui non c'è stata reazione: una squadra allo sbando, benché ci si possa direche Atlanta abbia ancora risentito dell'assenza di Marvin Williams.
Al termine il coach Larry Drew non ha potuto che dirsi estremente scoraggiato, vista la rassegnazione asssai precoce dei suoi uomini.
In conclusione gli Hawks sono sembrati quelli dello scoraggiante finale di stagione della scorsa primavera: attacco stitico e poca energia difensiva. L'imbarazzo dell'ala Josh Smith dice molto, ha parlato di mancanza di gioco di squadra, se non proprio di cedimento dello spirito del quintetto.
Alle volte sconfitte come questa possono anche spronare, nonostante i ritmi serratissimi dell'NBA, ed è ciò che ci si augura!

mercoledì 10 novembre 2010

All'Ayatollah Assadollah Bayat Zanjani viene impedito di incontrare l'opposizione iraniana

Aumenta il numero dei leader releligiosi iraniani insofferenti al regime        

L'Ayatollah Zanjani è stato recentemente minacciato dai servizi di sicurezza iraniani, dopo aver rifiutato di incontrare il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei (peraltro, a quanto si dice moderato, e questa forse è la causa), durante il suo viaggio verso la città santa di Qom. La notizia è riportata oggi dalla Radio Farda RFE/RL 's. 


Il figlio Hossein Karrubi ha aggiunto che tutte le telefonate di suo padre sono intercettate, quindi, quando il leader spirituale si organizza per incontrare qualcuno, le forze di sicurezza lo bloccano davanti casa.


Anche le restrizioni delle attività dei leader Karrubi e Mir Hossein Musavi si sono intensificate negli ultimi giorni.


L'Ayatollah Zanjani è ormai fonte di emulazione: egli sostenne Karrubi e Musavi nelle contestate (a dir poco) elezioni presidenziali del giugno 2009, come anche fecero gli ayatollah Ysef Sanei, Ali Mohammad Dasgheib, e Hossein Ali Montazeri, morto nel dicembre dello scorso anno.


L'impressione è che la dittatura del "Raid umano" Mahmud Ahmadinejad si stia concludendo. Ma in quale modo terminerà, a che prezzo?


La pressoché totale mancanza di copertura della guerra civile iraniana da parte dei media liberali occidentali, essendo la situazione in Iran non collegabile a "giuste cause" ideologiche, così che coloro che qui sono troppo ricchi non se ne rendano conto (una mente prestata [venduta?] a chi conta per far carriera o cosa libera da tanti problemi, no?) è, a mio parere, oltre che gravissima, assai pericolosa. Più dello stallo delle organizzazioni internazionali e della ignavia dei nostri governi, impegnati spesso a discutere di cose che con la "politica" poco hanno a che fare. La speranza è che alla fine gli Stati Uniti accettino la proposta israeliana di operare con i drone per ripulire il Paese dalle centrali nucleari, alcune già potenzialmente attive. Ci fosse stato un Presidente nella camera ovale, magari il massacro a cui forse assisteremo (essendo pressoché impossibile un'operazione nucleare iraniana, facilmente prevenibile, e che proccupa molto e soprattutto gli stessi paesi arabi, la tendenza sarà ad intensificare l'offensiva contro la popolazione) non sarebbe una possibiltà da valutare.


Il popolo, orgoglioso della splendida cultura persiana (e che quello sia un Paese delizioso ed accogliente lo dimostra tutta la sua storia, anche recente), merita il nostro sostegno con chiara disposizione a marciare e manifestare. Sono persone, tutte, terrorizzate ormai da troppo tempo. Credono all'imminenza di un attacco da pate della NATO, che  conduca a conseguenze simili a quelle delle guerre irachene. Lì l'informazione è davvero scarsa, tra l'altro nessuno sa dove siano nascosti preti e comunità cristiana, o se siano ancora nascosti o già sterminati o sotterrati nei luoghi di tortura. 


Occorre che sappiano che la Nato non interverrebbe mai: con le truppe già in Afghanistan (ed alcuni addirittura perduti, Dio li conduca alla Pace Eterna), guardare il telegiornale diverrebbe cosa insostenibile per la maggior parte degli abitanti dei Paesi dell'ovest europeo. In più, a parte i rifugiati, gli iraniani non sanno che la situazione è strategicamente completamente differente. Intanto i martiri (soprattutto le donne, spesso colpevoli solo di essere imparentate con gli oppositori al regime, ma anche attivissime esse stesse, nel silenzio quasi totale delle molteplici "comunità" internazionali, o ciò che sono, per la difesa dei loro diritti) aumentano e aumentano.


È, almeno nella mia opinione, a causa del lungo periodo di pace e del mancato interesse per la politica estera, e probabilmente del mancato ascolto dei racconti dei prori nonni, ben più contenti di noi, sotto le bombe, quando avevano la nostra età, che la gioventù che ci circonda (e i loro maestri) appare non realizzare l'importanza di ciò che accade lì, o addirittura non ne sanno un tubo. D'altra parte, se anche hanno capito, si vedono già tante cose brutte in tv: gli tsunami, i cani abbandonati sull'autostrada, e poi le cose per le quali indignarsi che compiono i nostri governi, ormai quasi tutti conservatori, ma inani ad operare causa le Costituzioni parasocialiste ed intoccabili, condizionate dalle conseguenze del secondo dopoguerra, e quindi, cosa?, l'Iran?, ma il Medio Oriente vuol dire la questione palestinese, il sionismo, vabbè.


Ho parlato davvero troppo, anzi scritto, basta parlare.

giovedì 28 ottobre 2010

Free computer programmer Saeed Malekpour from Evin prison!!


Saeed Malekpour was arrested October 2008. He has been detained in Evin prison since.
Malekpour was born in May 1975. He graduated from Sharif University of Technology with a metrology engineering degree. He has worked as an expert in Iran Khodro (Iran’s biggest car manufacturer) and as an inspector in Garma Felez corporation. He has also worked for the Razi Research Centre. Last year, he was admitted to a master’s program at the University of Victoria (in the province of British Columbia, Canada).
Saeed Malekpour was arrested in October 2008 upon returning to Iran. He had been working as a website designer in Canada since 2005.
This political prisoner was arrested in relation to a case of Internet offences. The case was titled “Mozzelin 2″ (The Strayed 2).  In winter 2009, a report was published by a group that introduced itself as part of the IRGC. In this report, it was alleged that certain individuals were responsible for being part of a “network of decadence on the Internet.”
A similar scenario was repeated in winter 2010 during the time widespread arrests of human rights activists across Iran were taking place. This time, two reports were published with the titles “Cyber Fights of the Revolutionary Guards against Destabilizing Groups,” and “The Arrest of American Cyber War Network Members.” The state media also aired reports regarding these reports.
You can find his moving letter.
You can also sign a petition for his release, and read how to send a letter to Wired magazine, asking for coverage of His story.


Check these pags, please:
http://missionfreeiran.org/2010/10/27/wired-saeed-malekpour/
http://www.astreetjournalist.com/2010/03/28/imprisoned-tech-expert-saeed-malekpour-writes-of-torture/

sabato 23 ottobre 2010

Not a good news from China

China's one child politics is disgusting, that's common sense.
Nobody remembers that they are Communists there: dictators without a hope survived the era of ideologies, surrounded by Western money. I guess it's not a great idea. God will judge. I have an opinion but guess it's not that smart.

This is a comment of one the last results.

giovedì 21 ottobre 2010

Io

Io più o meno non so scrivere, e poi anche se lo sapessi fare non lo ricordo, quello che avrei voluto scrivere, così accade che il web log no sia in vetta alle classifiche. Ora lo sapete. Giusto per togliervi il dubbio se caso mai l'aveste avuto.

venerdì 15 ottobre 2010

Deborah Horton wins the Thursday Poets Rally Week 30 (October 7-13)

This is a great news because the author is an amazing one, and this is surely the beginning of a great career, their poems are simply lovely!!


In her words: «First time award given to me
not the last I hope I see
thanks to all who read my work here
new friends made and old ones who are dear.»


She's too much modest, cheers!! Her poems are on her blog Blah Blah Blog. Don't miss no one of them, you'll feel so good!!

giovedì 14 ottobre 2010

Conservative for Change: US physics professor: 'Global warming is the great...

Conservative for Change: US physics professor: 'Global warming is the great...: "Newton: 'Fie on you, Hansen, Mann, Jones et al! You are not worthy of the name scientists! May the pox consume your shrivelled peterkins!'Ha..."

domenica 10 ottobre 2010

mercoledì 15 settembre 2010

Ratzinger & padre Brown

IDEE. Perché i grandi scrittori cristiani inglesi, da Chesterton a Lewis, piacciono a Benedetto XVI: l’umorismo è parte essenziale della fede

In due occasioni il Pontefice ha citato le 'Lettere di Berlicche': «Un piccolo libro che mette in luce i pericoli e i problemi del mondo moderno in modo spiritoso e ironico» e l’inventore del prete­detective:
«Occorre saper vedere l’aspetto divertente della vita e la sua dimensione gioiosa»
Graham Greene sostiene che bisognerebbe nominare il cardinale Newman patrono dei romanzieri cattolici, o, meglio dei romanzieri che sono anche cattolici. In effetti la sua clamorosa conversione avvenuta a metà dell’Ottocento ha prodotto un effetto a catena di altre conversioni specie in campo letterario: Hopkins, Chesterton, Waugh, Tolkien, Lewis, Marshall, lo stesso Greene…sono solo alcuni dei nomi tra quelli che si potrebbero citare ad indicare la 'valanga Newman'. Benedetto XVI conosce bene non solo Newman ma anche qualche elemento di quella 'valanga'. Può darsi che non abbia letto i romanzi di Greene, tanto amati da Papa Montini, ma di sicuro ci sono due autori di quella schiera che Ratzinger conosce molto bene: Gilbert Keith Chesterton e Clive Staple Lewis. Quest’ultimo è un caso a parte, perché è l’unico che si è convertito dall’ateismo al cristianesimo ma è rimasto, almeno formalmente, al di fuori del cattolicesimo, eppure è un autore che Ratzinger ha amato e spesso anche citato (in particolare apprezzandone la capacità di trattare argomenti 'alti', seri e profondi con arguzia, leggerezza e humour tipicamente inglesi; ad esempio il 18 novembre del 1998, presentando l’enciclica Fides et Ratio in San Giovanni in Laterano l’allora cardinale Ratzinger esordiva con queste parole: «Permettetemi di cominciare con una citazione presa dalle Lettere di Berlicche del noto scrittore e filosofo inglese C.S. Lewis. Si tratta di un piccolo libro pubblicato per la prima volta nel 1942, che mette in luce i problemi ed i pericoli dell’uomo moderno in modo spiritoso ed ironico», un’altra, ennesima, conferma della falsità dei luoghi comuni e degli stereotipi sul Papa: all’attuale Pontefice romano piace tanto il cristianesimo così come viene declinato oltremanica.

Principali caratteristiche di questa 'declinazione': l’accoppiata umorismo-umiltà, e la centralità della gioia. Ratzinger sa che diventare cristiani in fondo vuol dire lasciarsi sorprendere dalla gioia, come illustrato efficacemente dall’autobiografia di Lewis che s’intitola appunto


Sorpreso dalla gioia.
Ma la gioia ha bisogno dell’umorismo così come l’umorismo ha bisogno della gioia, così si è espresso il Papa in una recente catechesi: «La gioia profonda del cuore è la precondizione del senso dell’umorismo, e così l’umorismo è, in qualche modo, la misura della fede».

Questa consapevolezza il giovane Ratzinger l’ha maturata nel corso degli anni, grazie anche alla lettura di un autore come
Chesterton, ad un tempo umorista e apologeta della fede per il quale la gioia è «il gigantesco segreto del cristiano». La dicotomia noia-gioia è per entrambi un nodo centrale come risulta evidente sin dal primo discorso del neoeletto Pontefice: «Chi fa entrare Cristo, non perde nulla, nulla, assolutamente nulla di ciò che rende la vita libera, bella e grande […] non abbiate paura di Cristo! Egli non toglie nulla, e dona tutto. Chi si dona a lui, riceve il centuplo».

Fortissima l’eco di Chesterton ad esempio quando ha parlato ai giovani polacchi esortandoli: «Non abbiate paura di essere saggi, cioè non abbiate paura di costruire sulla roccia!». Nel suo capolavoro
Ortodossia,

Chesterton afferma: «Taluni hanno preso la stupida abitudine di parlare dell’ortodossia come di qualche cosa di pesante, di
monotono e di sicuro. Non c’è invece niente di così pericoloso e di così eccitante come l’ortodossia: l’ortodossia è la saggezza e l’essere saggi è più drammatico che l’essere pazzi.

  E’ facile essere pazzi; è facile essere eretici; è sempre facile lasciare che un’epoca si metta alla testa di qualche cosa, difficile è conservare la propria testa». Ma il Papa arriva anche a citare Chesterton, anche se implicitamente, e lo fa rispondendo ad un’intervista rilasciata ad una televisione tedesca; alla domanda sul ruolo dell’humour nella vita di un Papa, Benedetto XVI ha candidamente affermato: «Io non sono un uomo a cui vengano in mente continuamente barzellette. Ma saper vedere anche l’aspetto divertente della vita e la sua dimensione gioiosa e non prendere tutto così tragicamente, questo lo considero molto importante e direi che è anche necessario per il mio ministero.

Un qualche scrittore aveva detto che gli angeli possono volare perché non si prendono troppo sul serio. E noi forse potremmo anche volare un po’ di più, se non ci dessimo tanta importanza». La citazione è tratta sempre da un brano di
Ortodossia di Chesterton che continuava con l’immagine di Lucifero, l’angelo che cade per la forza di 'gravità', dove questa gravità significa proprio seriosità, mancanza totale di umorismo che, per lo scrittore inglese come per il Papa tedesco, è quella capacità di visione, di rovesciare la prospettiva e cogliere la gioia (e anche il divertimento, secondo Benedetto XVI). Il Papa-teologo che più volte ha invocato l’esigenza di una 'teologia in ginocchio', sa bene che l’umorismo è, anche etimologicamente, fratello dell’umiltà e tutti e due provengono dall’humus, dalla terra. Solo chi ha i piedi ben piantati per terra, chi riconosce la sua 'adamiticità' (Adamo, cioè il 'terroso', secondo la Genesi), può volare alto, fino al cielo. È anche questo messaggio che il Papa andrà a proclamare, insieme alla grandezza di un suo maestro come Newman, volando oltremanica per andare in Inghilterra, la Terra degli Ang(e)li.


A fianco G.K.

Chesterton (1874-1936). Sotto C.S. Lewis (1898-1963).

I read a moving poem today

I was spending time through the web when I found this gem.
The poem's name is "Everything".

http://deborahhorton.wordpress.com/2010/09/14/everything/

venerdì 20 agosto 2010

OR - Reso noto il programma del viaggio di Benedetto XVI, che si svolgerà dal 16 al 19 settembre

Preghiamo, chi prega, molto per questo pellegrinaggio, questo è ciò che appare sull'Osservatore di oggi:







Il Papa nel Regno Unito
per beatificare John Henry Newman



 

A un mese dal suo inizio, sono stati messi a punto gli ultimi dettagli della prossima visita del Papa nel Regno Unito. Il programma definitivo reso noto mercoledì 18 agosto dalla Sala Stampa della Santa Sede conferma quello già anticipato nelle settimane scorse, offrendo gli orari e le tappe dell'itinerario del Pontefice nelle quattro giornate - da giovedì 16 a domenica 19 settembre - che egli trascorrerà in Gran Bretagna.
Nel suo diciassettesimo viaggio internazionale, che avrà come tema Cor ad cor loquitur, "Il cuore parla al cuore" - ispirato al motto cardinalizio di John Henry Newman - Benedetto XVI visiterà quattro città:  Edimburgo, Glasgow, Londra e Birmingham. Sedici in tutto i discorsi previsti, comprese omelie e saluti. "Il programma è molto ricco, intenso, articolato" ha commentato il direttore della Sala Stampa, il gesuita Federico Lombardi, presentando ai microfoni della Radio Vaticana i momenti più importanti della visita. A cominciare dall'incontro con la regina Elisabetta ii, in programma nella mattina di giovedì 16.
Il Papa - che partirà dall'aeroporto di Roma Ciampino poco dopo le 8 - giungerà intorno alle 10.30 allo scalo internazionale di Edimburgo, dove avrà luogo l'accoglienza ufficiale. Quindi raggiungerà il palazzo reale di Holyroodhouse per la cerimonia di benvenuto. Successivamente la visita alla regina:  un momento - ha sottolineato Lombardi - che "si attende con grande intensità ed emozione". Al termine, nel parco del palazzo reale, il Pontefice pronuncerà il primo discorso rivolgendosi alle autorità del Paese. La mattinata si concluderà con il pranzo nella residenza arcivescovile.
Nel pomeriggio di giovedì Benedetto XVI si trasferisce a Glasgow, dove presiede la prima messa del viaggio nel Bellahouston park. Sarà un momento di preghiera e di spiritualità molto importante per i cattolici del Paese, anche in considerazione del fatto che proprio quel giorno ricorre la festa di san Ninian, patrono ed evangelizzatore della Scozia. A conclusione della celebrazione, dall'aeroporto internazionale di Glasgow, il Papa partirà alla volta di Londra, dove giungerà in serata.
La successiva giornata di venerdì comincerà con la messa celebrata in privato dal Pontefice nella cappella della nunziatura apostolica a Wimbledon. Quindi, alle 10, l'incontro con il mondo dell'educazione cattolica del Paese, nella cappella e nel campo sportivo del Saint Mary's university college, a Twickenham. Subito dopo, nella Waldegrave drawing room dello stesso college, Benedetto XVI rivolgerà un discorso  ai  capi  e  ai  responsabili  delle altre comunità religiose presenti nel Paese.
La visita all'arcivescovo di Canterbury, nel Lambeth palace, aprirà il pomeriggio di venerdì. Poco dopo le 17, il viaggio vivrà uno dei suoi momenti più significativi con l'incontro tra il Papa e gli esponenti della società civile, del mondo accademico, culturale e imprenditoriale, i membri del corpo diplomatico e i leader religiosi, nella Westminster hall. Sarà un'occasione di riflessione per tutte le componenti più attive e autorevoli della società inglese, alle quali il Pontefice rivolgerà un discorso ad ampio raggio, che toccherà i temi più attuali della vita sociale e culturale del Regno Unito. Anche la successiva celebrazione ecumenica, che avrà luogo nella Westminster abbey, costituirà un momento importante di verifica e di dialogo nei rapporti tra la comunità cattolica e la comunione anglicana.
L'incontro con il primo ministro David Cameron, nel palazzo arcivescovile, sarà il primo di una serie di colloqui che Benedetto XVI avrà, nella mattina di sabato 18, con i maggiori esponenti politici inglesi. Dopo il premier il Papa vedrà il vice primo ministro Nick Clegg e il leader dell'opposizione. Alle 10 la messa del Pontefice nella cattedrale del Preziosissimo sangue di nostro Signore Gesù Cristo.
Nel pomeriggio, alle 17, dopo la visita alla casa di riposo St Peter's residence, il momento centrale del viaggio - la beatificazione del cardinale Newman - avrà un prologo suggestivo nella veglia di preghiera che Benedetto XVI presiederà nell'Hyde park. Nel suo discorso il Papa anticiperà quelli che saranno i temi spirituali e pastorali dell'omelia del giorno successivo, domenica 19, quando - dopo essersi congedato dalla nunziatura apostolica - partirà in elicottero dal Wimbledon park alla volta dell'eliporto nei pressi del Cofton park di Rednal, a Birmingham, dove celebrerà la messa e proclamerà beato il grande pensatore e teologo.
La mattinata di domenica si conclude con la visita all'oratorio di San Filippo Neri, che sorge a Edgbaston, e il pranzo con i vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia, e con i membri del seguito papale nel refettorio della Francis Martin house dell'Oscott college. Agli stessi presuli Benedetto XVI rivolgerà un discorso nell'incontro previsto nel primo pomeriggio, prima di raggiungere l'aeroporto internazionale di Birmingham, dove avrà luogo la cerimonia di congedo. La partenza è prevista intorno alle 18.45, mentre l'arrivo allo scalo romano di Ciampino avverrà alle 22.30.
Il Regno Unito si prepara dunque ad accogliere Benedetto XVI a quasi trent'anni dalla precedente visita di Giovanni Paolo II, che si svolse dal 28 maggio al 6 giugno 1982. "I viaggi di quest'anno del Santo Padre, quello di Malta, del Portogallo, di Cipro - ha evidenziato padre Lombardi - sono stati viaggi molto positivi. Noi ci auguriamo che anche questo viaggio sia veramente una manifestazione della bellezza, della positività del servizio del Santo Padre nella società, tanto più in tempi in cui abbiamo anche avuto momenti di contestazione. L'auspicio è di poter ripresentare con efficacia il lato positivo, fondamentale che la Chiesa dà a una società di oggi, una società moderna, pluralistica, diciamo pure secolarizzata, che non dimentichi ma che anzi sappia apprezzare in modo nuovo il contributo positivo che la fede offre".
Quanto, infine, agli aspetti più strettamente organizzativi, c'è da registrare un ulteriore chiarimento da parte del direttore della Sala Stampa della Santa Sede sulla questione dei "biglietti" previsti per partecipare ad alcuni degli avvenimenti della visita, come la veglia di preghiera in Hyde park. Già il coordinatore del viaggio papale, monsignor Summersgill, nei giorni scorsi aveva puntualizzato che si tratta, in realtà, di un contributo non obbligatorio per i fedeli. Padre Lombardi ha precisato che "gli impegni organizzativi della visita sono naturalmente di chi invita" e, di conseguenza, "il Vaticano non ha stabilito nulla di questo". Si tratta - ha spiegato - "di modalità organizzative affrontate sul luogo dalla Chiesa locale, ma tenendo conto di tutti i molti vincoli di carattere organizzativo imposti dalle autorità civili".
In questo senso, i principali eventi pubblici della visita prevedono la predisposizione di mezzi di trasporto adeguati agli spostamenti di una gran massa di fedeli e la realizzazione di adeguate misure di sicurezza, tra le quali un pass particolare e un piccolo kit logistico per ogni partecipante. Da qui deriva la richiesta di un piccolo contributo a ogni gruppo che si organizza per prendere parte all'avvenimento.


(©L'Osservatore Romano - 20 agosto 2010)

 







giovedì 15 luglio 2010

My playlist 05-07-2010


DT'S - God Damn World (Pure Vinyl 7")
MONO MEN - Sin #1 (Pure Vinyl 7")
KNOCK UP - Let's Get Outa Here (Pure Vinyl 7")
ROCKETS - Go! Go! (Pure Vinyl 7")
SILENCERS - Love Theme From Motocycho (Pure Vinyl 7")
DT'S - High On The Heels (Pure Vinyl 7")
RAMONETTES - R.A.M.O.N.E.S. (442ème Rue 7")
SUBCANDIES - Intro (Rigolboch LP)
JAYBIRDS - Over Your Shoulder (Time For Action CD)
STOMACH MOUTHS - Dr. Syn (VOXX LP)
MUCK AND THE MIRES - If You Know (Soundflat Records CD)
STAGGERS - Zombies Of Love (Soundflat Records CD)
KING SALAMI & THE CUMBERLAND THREE - Yes, Baby (Soundflat Records CD)
LOS HORIES - Outta Touch (Off The Hip CDEP)
CLEOPATRAS - Sizes (Area Pirata CD)
REV HANK MEETS  WADADLI RIDERS - Switchblade Flip (Reverb Ranch/Surfer Joe CDEP)
MOVIE STAR JUNKIES - The Walnut Tree (Voodoo Rhythm CD)
STATTMATRATZEN - Anomalie (Demo CDS)

martedì 6 luglio 2010

Introvigne su OR

Intolleranza e discriminazione contro i cristiani 

Libertà religiosa
è anche
libertà di convertirsi

di Massimo Introvigne 
L'intolleranza e la discriminazione contro i cristiani, come contro i membri di altre religioni, possono verificarsi quando la libertà religiosa o non è garantita oppure è travisata. Le mie osservazioni si fondano sulla convinzione che la dottrina sociale della Chiesa, e in particolare i documenti più recenti di Benedetto XVI - che partono da argomenti di ragione e non solo di fede - possono essere d'interesse generale, anche per i non cristiani e i non credenti, e offrire un aiuto a tutti.
I principi della libertà religiosa sono in genere affermati dalle costituzioni e dalle leggi degli Stati membri dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (Osce). Rimangono tuttavia tre possibili aree di equivoco.
La prima riguarda lo statuto della libertà religiosa. La libertà di religione non è solo uno fra i tanti elementi di una lunga lista di diritti e di libertà. È la pietra angolare di una vita sociale in cui le altre libertà possono fiorire. Parlando a Washington il 17 aprile 2008, Benedetto XVI ha citato un pensatore francese, non credente, Alexis de Tocqueville (1805-1859), il quale insegnava che "la religione e la libertà sono "intimamente legate" nel contribuire a una democrazia stabile". Quando la libertà religiosa è considerata un diritto minore, o secondario rispetto ad altri, la libertà in generale non può essere veramente garantita.
La seconda concerne l'estensione della libertà religiosa. L'Instrumentum laboris della prossima Assemblea Speciale per il Medio Oriente del Sinodo dei Vescovi cita il fatto che in alcuni Paesi "libertà di religione vuol dire solitamente libertà di culto. Non si tratta dunque di libertà di coscienza, cioè della libertà di credere o non credere, di praticare una religione da soli o in pubblico senza alcun impedimento, e dunque della libertà di cambiare religione. (...)Cambiare religione è ritenuto un tradimento verso la società, la cultura e la Nazione costruita principalmente su una tradizione religiosa". Al contrario, una vera libertà religiosa deve comprendere la libertà di predicare, di convertire e di convertirsi.
In terzo luogo, in alcuni Paesi la libertà di religione è considerata da alcuni con sospetto, come se implicasse necessariamente il relativismo e la negazione dell'eredità spirituale nazionale. La Chiesa cattolica ha dovuto affrontare lo stesso problema quando si è trovata di fronte ai problemi d'interpretazione della dichiarazione sulla libertà religiosa Dignitatis humanae del concilio ecumenico Vaticano ii. Alcuni, anche all'interno della Chiesa, temevano che la proclamazione della libertà religiosa potesse promuovere il relativismo e l'indifferentismo. Ma in realtà, come Benedetto XVI ha ripetutamente mostrato, la libertà religiosa e una ferma difesa della propria identità religiosa contro il relativismo possono e devono coesistere. La libertà religiosa è relativa all'immunità individuale e collettiva dei credenti da ogni coercizione dello Stato laico moderno nel momento della formazione e dell'annuncio della propria esperienza religiosa. Non implica invece che il credente non abbia il diritto e il dovere di esercitare un "adeguato discernimento" tra le diverse proposte religiose, come il Papa ha sottolineato nella sua enciclica del 2009 Caritas in veritate:  "La libertà religiosa non significa indifferentismo religioso e non comporta che tutte le religioni siano uguali" (n. 55).
Con riferimento alla città sede dell'Osce, possiamo dire che questi tre equivoci creano problemi sia a est di Vienna sia a ovest di Vienna. A est di Vienna, i problemi circa l'estensione della libertà religiosa e il timore che la libertà di religione in senso occidentale possa indurre relativismo e un tradimento delle culture tradizionali può generare forme normative che danneggiano le Chiese e le comunità cristiane. Tra queste ci sono il rifiuto della registrazione legale e dell'esenzione fiscale, e il rifiuto di concedere visti ai missionari o licenze per costruire edifici di culto. In alcuni Paesi una virulenta propaganda anti-cristiana ha portato a una diffusa violenza.
A ovest di Vienna troppo spesso assistiamo alla marginalizzazione dei cristiani, i cui diritti di partecipare pienamente al dialogo sociale annunciando la loro fede sono limitati in nome del laicismo. La causa di questi problemi sembra essere il primo dei tre equivoci che ho citato. La libertà religiosa è considerata solo come uno fra tanti diversi diritti, e la sua importanza cruciale è sistematicamente sottovalutata. E il problema diventa peggiore quando tra i diritti che s'invocano per limitare la libertà religiosa ci sono - secondo l'espressione dellaCaritas in veritate - "presunti diritti, di carattere arbitrario e voluttuario", e perfino "diritti" "addirittura alla trasgressione e al vizio" (n. 42). Il riconoscimento dei diritti delle minoranze religiose è certo uno sviluppo importante dei sistemi giuridici moderni. Ma i diritti delle minoranze non devono essere usati per negare i diritti delle maggioranze. Anche le maggioranze hanno i loro diritti.
Il tempo mi permette di citare solo due esempi. Il primo riguarda un numero ormai ampio d'incidenti in Europa dove predicatori cristiani, compresi predicatori di strada, e istituzioni ecclesiali sono stati incriminati o citati in giudizio per avere criticato stili di vita e atteggiamenti relativi alla sessualità che considerano peccaminosi. Alcuni genitori sono stati multati o incriminati per avere rifiutato di mandare i loro figli a cosiddetti corsi anti-discriminazione che, a loro avviso, promuovono stili di vita che non approvano. In quest'area, come in altre, come minimo dev'essere sempre riconosciuto un ampio diritto all'obiezione di coscienza. Le proposte di legge che intendono punire come incitamento all'odio la critica religiosa di stili di vita alternativi sono percepite da molte Chiese e comunità cristiane come una seria minaccia alla loro libertà di predicazione.
Il secondo esempio riguarda la sentenza del 2009 Lautsi contro Italiacon cui la Corte europea dei Diritti Umani ha deciso che la presenza di crocefissi nelle scuole pubbliche italiane viola i diritti dei non credenti e degli alunni che in Italia, un Paese a larga maggioranza cattolico, appartengono a minoranze religiose. I sondaggi hanno confermato che un'ampia maggioranza degli italiani (82 per cento:  cfr. Franco Garelli - Gustavo Guizzardi - Enzo Pace (a cura di), Un singolare pluralismo:  Indagine sul pluralismo morale e religioso degli italiani, il Mulino, Bologna 2003, pp. 146-147) - compresa una solida maggioranza degli italiani che non sono cattolici praticanti - è favorevole a mantenere nelle scuole il crocefisso, un simbolo della più alta forma di amore oltre che dell'identità e della storia nazionale particolarmente amato in Italia. Questo sembra un caso particolarmente chiaro dove i diritti di un'ampia maggioranza sono ignorati in nome dei diritti di una minoranza, o dell'opinione di un numero molto limitato di militanti del laicismo. 

(©L'Osservatore Romano - 7 luglio 2010)

venerdì 2 luglio 2010

Minority Rights Group International: "Aumenta nel mondo l'intolleranza religiosa"









Aumenta l'intolleranza dell'ONU e dei movimenti non governativi accecati dall'ideolgia, altro che storie.

Ad ascoltare gli "esperti" la colpa della povertà e la causa del razzismo sarebbe la religione. Potrei scrivere un tomo sulla falsità di queste argomentazioni, ma forse è meglio che leggiate un qualsiasi Antidoto di Rino Cammilleri per capire che l'errore terribile è alla radice, e nasce dall'ideol
ogia nichilista che nel nuovo secolo, ahinoi, assume ancora più concordia lì dov'è il potere dei Paesi ricchi..







Leggete un po' questa notizia, chissà in quali condizioni di lusso si sono raccolti lì  i professori per partorire quest'amenità...





Si è riunita negli scorsi a Londra la  commisione del Minority Rights Group International (Mrg): si tratta di un'organizzazione internazionale non governativa che collabora, fra gli altri, con le Nazioni Unite e l'African Commission for Human and People's Rights.
Al termine dei lavori è stato reso noto un rapporto, denominato "La condizione delle minoranze e dei popoli indigeni nel mondo 2010".
In particolare, si sottolinea nel rapporto, in Africa e in Asia la religione sta rapidamente soppiantando la razza e l'etnia (sic), come sfondo delle violenze ai danni delle minoranze. In Paesi come l'Etiopia o il Bangladesh, per esempio, alle motivazioni religiose degli attacchi, si aggiungono anche le crescenti condizioni d'insicurezza sociale dovuta all'estrema povertà. 
Le minoranze, è specificato, devono fare fronte ad attacchi, arresti e torture e ad altre forme di repressione della loro libertà. Il direttore (o il megadirettore? n.d.r.) dell'Mrg, Mark Lattimer, ha sottolineato che "l'intolleranza religiosa è il nuovo razzismo e molte comunità che hanno sofferto per la discriminazione razziale nel passato, ora sono emarginate per motivazioni religiose". Il rapporto cita peraltro la condizione delle minoranze nei Paesi europei e negli Stati Uniti, dove le comunità musulmane subiscono i crescenti controlli di sicurezza delle autorità statali e le campagne portate avanti dai gruppi politici razzisti di estrema destra. 
Chiosa mia: e poveri musulmani. Sì poi la terribile destra, e anche estrema, wow! E li pagano questi! Chissà chi di loro è stato mai in missione in Africa? Certo non rischiono una fatwa, tranquilli professori!

lunedì 28 giugno 2010

U.S. Department of State

It should remain the only political Institution to have the last world, when the world is in danger. Well, obviously NOT if Democrats rule the Country.